CONTENUTI E ARTICOLI

Articoli Osteopatia, Terapisti Benessere - Energie Ultrasensibili
Articoli Osteopatia, Terapisti Benessere - Energie Ultrasensibili
Articoli Osteopatia, Terapisti Benessere - Energie Ultrasensibili
COSTITUZIONE ENERGETICA

L’essere vivente è costituito da alcuni corpi (o veicoli) di diversa natura e stati vibratori differenti che hanno il compito di gestire la parte fisica/elettromagnetica, emozionale, mentale e spirituale.

Questi campi vibratori permeano e avvolgono il corpo umano e i Chakra.

Se funzionano bene, e interagiscono correttamente nei propri piani, permettono all’uomo di rimanere in buona salute e di svolgere la sua evoluzione karmica.

Se invece sono perturbati da traumi e insulti fisici o esoterici, emozioni violente o negative, interferenze relazionali e psicologiche, oltreché ambientali, subiscono delle modifiche che a loro volta si ripercuotono sul corpo, provocando una disfunzione delle aree corrispondenti.

Quasi tutta l’attività di meditazione e di pulizia energetica che viene proposta e insegnata nei vari corsi, seminari e workshop è indirizzata alla fisiologia energetica, spesso ai chakra e ai corpi sottili, ma raramente ci si spinge oltre. Personalmente ritengo che la pulizia e l’equilibrio della fisiologia sottile sia utile, al pari delle normali sane abitudini di un ottimale stile di vita: ad esempio correttamente alimentarsi, riposare, dormire, meditare, amare, fare attività fisica. Vivere in uno spazio armonizzato, con o senza strumentazioni che migliorino l’ambiente, sicuramente sostiene i processi di salute e di equilibrio e alimenta alcune capacità dell’uomo.

Purtroppo tutto questo non tocca minimamente l’altra categoria di perturbazioni, che io definisco patologie energetiche, che esistono e sono molto più invasive e deterioranti del semplice metabolismo sottile. Le ‘patologie sottili’, e quindi gravi, che affliggono l’essere umano e ne condizionano pesantemente la salute, si possono distinguere in due grandi categorie: i fattori intrinseci, provenienti dai nostri vissuti, e i fattori estrinseci, provenienti da fonti esterne a noi.

I primi derivano dall’attività psico-emozionale di ognuno – le forme pensiero negative – e dalle relazioni che instauriamo col mondo esterno – i legami negativi -. I secondi appartengono al mondo esoterico, e si esplicitano in due modalità completamente diverse, anche se spesso abbinate: i condizionamenti e le entità.

Solo un’attenta e specifica analisi e una regola di risoluzione precisa a ‘elevato potere solvente’, possono interagire con questi disturbi; per questo occorre una consapevolezza e una attenzione maggiore che inevitabilmente sono anche il frutto di un personale percorso di espansione della coscienza individuale.